Lo Psicologo ai fornelli

Lo Psicologo ai fornelli

Lo Psicologo ai fornelli

Il momento è arrivato! Per molti di noi l’ora X è  giunta!

Agosto è qui e le vacanze sono alle porte!

Le occasione per rilassarci saranno tantissime: una nuotata, una passeggiata sul bagnasciuga, un pisolino sotto l’ombrellone, una lettura sulla spiaggia e chi più ne ha più  ne metta..

Ci sono però tante abitudini che possono minare il nostro benessere fisico e psicologico facendo sì che il fine ultimo delle nostre vacanze venga meno alla fine del nostro meritato riposo in realtà torniamo a casa più stanchi e stressati di prima.

Non potevamo lasciarvi andare senza qualche consiglio e qualche buona abitudine da mettere in pratica sotto l’ombrellone, così, questo mese, abbiamo deciso di darvi qualche consiglio non tanto da psicologo ai fornelli quanto da benessere sotto l’ombrellone.

 

Esposizione al sole: favorisce la vasodilatazione quindi, per evitare la ritenzione dei liquidi dobbiamo bagnare le gambe o fare un bagno per almeno 15 minuti ogni 45 minuti di esposizione.

Frutta e idratazione: si parla tanto di bere acqua e mangiare tanta frutta ma attenzione! La frutta contiene molti zuccheri, se non si beve la giusta quantità di acqua insieme, si può favorire la disidratazione. L’ideale sarebbe bere un bicchiere d’acqua ogni 150 g di frutta.

Cibi e bevande fredde: sembra scontato, ma purtroppo non lo è. Per rinfrescarci di solito consumiamo prodotti freddi se non ghiacciati, questa abitudine, soprattutto con le elevate temperature a cui il nostro corpo è esposto in questa stagione, può provocare un vero e proprio shock termico che può causare una congestione e i conseguenti dolori addominali e crampi.

Cibo in spiaggia: la borsa frigo in spiaggia è il classico cliché italiano, ma in questo caso è qualcosa di molto utile perché mantenere il cibo fresco evita la proliferazione batterica soprattutto della frutta e della verdura e l’irrancidimento delle altre portate che con il caldo invece potrebbero causare disturbi digestivi.

Rinfrescare la testa: quando fa molto caldo, anche se siamo in un luogo coperto, sotto l’ombrellone, al riparo dai raggi diretti del sole, può non essere sufficiente ad evitare il classico “colpo di calore” o “colpo di sole”, con il loro caratteristico mal di testa, stordimento, febbre, nausea, ecc.. Rinfrescare la testa, bagnandola regolarmente o indossando un cappello o un foulard bagnati può evitare questo problema.

Bere dopo il bagno: a chi non è capitato di “bere” l’acqua del mare durante un bagno?! L’acqua marina però è contaminata da germi. Bere dopo il bagno diluisce l’eventuale carica batterica allontanando il pericolo di contrarre infezioni intestinali.

Doccia post bagno: chi usa farsi la doccia dopo il bagno lo fa di solito per quella sensazione che l’acqua marina lascia sulla pelle, seccandola. In realtà, la doccia rimuove anche eventuali contaminanti che sono rimasti sulla pelle, diluendo i batteri con i quali si viene a contatto.


BUONE VACANZE A TUTTI!

Ci “rivediamo” ai fornelli a settembre!