Monografia - Spinaci

Monografia - Spinaci

Monografia - Spinaci

Anche se sono disponibili tutto l’anno, è proprio da marzo che troviamo, freschi, quelli a foglia piccola, adatti per le insalate crude.

Gli spinaci Gli Spinaci (Spinacia oleacea) sono una pianta erbacea stagionale, dalle foglie verde brillante a rosetta, le cui dimensioni variano a seconda della varietà. 
Originari dell’Asia Sudoccidentale, gli spinaci sono stati introdotti in Europa probabilmente dalla Persia intorno all'anno 1200/1300 dagli Arabi, che li consideravano “il principe degli ortaggi”.
Oggi vengono coltivati in tutto in mondo, in Europa si coltivano prevalentemente al Nord; mentre in Italia vengono coltivati soprattutto in Toscana, Piemonte, Campania, Veneto e Lazio.

Le proprietà:
Ferro: tutti noi associamo gli spinaci alla figura di Braccio di Ferro, mitico personaggio nerboruto dei fumetti, testimonial di questa verdura dal 1929! E’ importante però specificare che, per poterlo assorbire in maniera adeguata, è essenziale che sia a disposizione una certa quantità di vitamina C, che può essere data dal limone usato come condimento degli stessi.

Fibre: sono utili in caso di stitichezza e, grazie alla luteina, migliorano il benessere e la salute della retina e degli occhi in generale. 

Acido folico: apporta svariati benefici al sistema immunitario.

Sarebbe meglio mangiarli crudi in insalata, olio, sale e limone; evitando la cottura perché perdono gran parte delle loro proprietà.

Le controindicazioni
Purtroppo non sono indicati per chi ha problemi di calcoli renali, per chi soffre di osteoporosi e dai chi ha delle fratture ossee. La ricerca scientifica ha dimostrato che l’acido ossalico, contenuto negli spinaci, può essere responsabile della formazione dei calcoli e può influire negativamente sull’assorbimento del calcio.

IN CASO DI STANCHEZZA
Si sa che con il cambio di stagione possiamo sentirci più stanchi e “spossati”, allora vi consigliamo questo rimedio veloce e naturale.

Iniziamo con la cottura degli spinaci: lavarli accuratamente e ancora bagnati disporli in una padella capace e cospargerli con un pizzico di sale grosso. Accendere il fuoco e incoperchiare, attendere qualche minuto, e appena gli spinaci si sono abbassati, spegnere il fuoco, togliere il coperchio e lasciar raffreddare.
Evitare di bollire in acqua profonda perché c’è troppa dispersione dei nutrienti.
Cuocere gli spinaci, condirli con un cucchiaio di pecorino sardo, e una decina di mandorle tritate al coltello (per mantenere le proprietà delle mandorle) e con olio evo.

 PROPRIETA' NUTRIZIONALI

 

SPINACI CRUDI

SPINACI BOLLITI

ENERGIA

31 Kcal

63 Kcal

 

129 Kjoule

264 Kjoule

Parte edibile

83 %

100 %

Acqua

90,1 g

75,6 g

Carboidrati

2,9 g

7,0 g

Grassi

0,7 g

1,3 g

Proteine

3,4 g

6,3 g

Fibre

1,9 g

2,1 g

Fonte: www.my-personaltrainer.it