Alimentazione

Alimentazione

Alimentazione

 

Benvenuta Primavera!!!
Anche se arriverà ufficialmente dopo il 21 marzo, con tutto il suo carico di colori, profumi e sapori tanto attesi; dobbiamo prepararci ad accoglierla aiutando anche il nostro corpo a depurarsi grazie alla frutta e verdura di stagione. Non solo, anche i germogli fatti in casa saranno perfetti per aiutarci in questa rinascita, fra l’altro sono facilissimi da far crescere e possono dare un tocco primaverile alle insalate e perché no ai panini imbottiti da dare come merenda ai nostri bimbi!
Per chi ha la fortuna di potersi concedere una gita in campagna, lontano dallo smog, si possono trovare tarassaco, cicoriette e valerianella; ottime ripassate in padella o usate per una frittata!

Fortunatissimi coloro che riescono a trovare degli asparagi selvatici, ottimi da far bollire insieme alla pasta.

Al mercato possiamo trovare:
VERDURA
Cipolline Buonissime da aggiungere nelle insalate fresche, le Cipolline, per chi le ama, possono essere mangiate crude, in modo da mantenere tutte le proprietà nutrizionali, oppure possono essere scottate leggermente, per dargli maggiore croccantezza.
Tenere e gustose, le cipolline sono semplicemente delle cipolle bianche, raccolte in tenera età; e quindi anch’esse appartengono alla famiglia, dell’aglio, del porro, dello scalogno e dell’erba cipollina. 
Da sempre la cipolla è stata molto stimata per le sue proprietà terapeutiche, è infatti un’ottima fonte di vitamina B e C, acido folico e fibre; inoltre alcuni composti  presenti, come la quercetina, hanno effetti antiossidanti e antiinfiammatori. Come altri cibi ricchi di flavonoidi, la cipolla può avere effetti benefici sul cuore, oltre ad aumentare la produzione di HDL, o “colesterolo buono”.
Le Cipolline più usate per i sott’aceti sono le Borretane, conosciute per il loro inconfondibile sapore. Devono il loro nome al comune di Boretto, in provincia di Reggio Emilia, ma sono ormai coltivate anche in tutto il parmense. In Emilia Romagna vengono servite con il famosissimo gnocco fritto e i relativi salumi. Ha il classico aspetto di color paglierino, il cui bulbo è appiattito ai poli.

Agretti
Si chiamano Barba di Frate, o senape dei monaci, lischi o roscano; anche se il nome agretti è quello che li “descrive” meglio, visto il loro sapore leggermente amaro.
Il nome ufficiale è Salsola Soda, a ppartengono alla famiglia degli arbusti che rotolano nel vento dei film western! Gli agretti sono i germogli e i rametti più giovani e teneri della pianta.
Gli agretti si acquistano freschi, si scelgono in base al loro colore, che deve essere di un verde brillante, mentre la parte vicina alle radici degrada in bianco e poi in rosso. Vanno consumati freschi perché se tenuti in frigo si deteriorano facilmente; inoltre bisogna lavarli in maniera accurata, in quanto tendono a mantenere la terra.
Per mantenere tutte le loro proprietà sarebbe bene consumarli cotti a vapore, possono essere serviti come contorno in insalata, conditi semplicemente con olio evo e limone. Ma la ricetta che li vede protagonisti indiscussi  è la frittata.
Ricchissimi di potassio, calcio e vitamine C e B3, , sono particolarmente depurativi, diuretici e rimineralizzanti.

FRITTATA DI AGRETTI
Pulire e mondare gli agretti e successivamente cuocili come gli spinaci (vedere la monografia), una volta cotti strizzali e elimina l’acqua; ripassali in padella con una noce di burro.
Sbatti 4 uova, incorpora del parmigiano, un po’ di latte, sale e pepe e versa il composto sopra gli agretti.
Lasciar cuocere la frittata a fuoco medio. 

E ancora nel cesto delle verdure per questo mese possiamo mettere:
barbabietola rossa
broccolo
cicoria
carote
sedano
fagioli
radicchio
finocchio
cavolfiore
carciofo
porro
cavolo verza
rapa
topinambur
cavolini di bruxelles
bietola 

FRUTTA
Per tutto questo mese troviamo ancora:
arance
limoni
mandarini
pere
kiwi
mele
mandaranci
pompelmi 

Arriva da marzo

Il Bergamotto

Il bergamotto è un agrume del genere Citrus, originale l’etimologia, che deriva dal turco beg armudi = "pero del signore". 

La pianta di presenta come un albero alto circa 3/4 metri, i fiori numerosi e bianchi sono profumatissimi; la fioritura e le nuove foglie spuntano appena finita la stagione delle piogge, all'inizio di marzo.

Il frutto è simile a quello di un’arancia (leggermente più grande, ma meno di un pompelmo), il colore della buccia varia dal verde al giallo a seconda della maturazione ed è proprio la buccia ad essere molto ricca di oli essenziali usati in cucina e in cosmetica.

Il 90% della produzione totale di bergamotto arriva dalla Calabria.

 

Inizia anche ad esserci del pesce di stagione sulle nostre tavole! 
PESCE DI MARZO
Alici
Merluzzi
Sardine
Sogliole
Tonno